Detrazioni Fiscali

Nella legge di stabilità approvata a fine anno e pubblicata in Gazzetta Ufficiale non c’è solo la proroga del bonus di 80 euro in busta paga ma anche quella relativa alle detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie. In questo ambito si inserisce anche l’incentivo fiscale per coloro che intendono acquistare un antifurto per la casa o un sistema di videosorveglianza.

Possono infatti godere delle detrazioni fiscali le spese sostenute per l’acquisto di prodotti atti ad “impedire illeciti da parte di terzi” (spesa massima consentita 96 mila euro). Sul sito dell’ AGENZIA DELLE ENTRATE c’è la guida aggiornata al 2016 per usufruire di questi sconti fiscali, vai al LINK.

Non solo quindi impianti di antifurto ma si possono portare in detrazione anche i costi per l’acquisto di casseforti, porte blindate, grate sulle finestre, vetri antisfondamento, serrature, spioncini, tapparelle di metallo.

Quanto si risparmia

facciamo un esempio pratico. Abbiamo sostenuto una spesa di 3000 euro per l’acquisto di un antifurto e per la sua installazione. Il 50% di tale cifra è 1500 euro. La detrazione deve essere però spalmata in 10 anni, quindi possiamo ogni anno detrarre 150 euro.

detrazioni allarme 2017

Cos’è una detrazione: un importo che si può “scalare” dalle tasse che dobbiamo allo STATO ogni anno. Ciò si può fare compilando il modello 730 o Unico a seconda di che tipo di professione svolgiamo. E’ chiaro che se siamo disoccupati e non facciamo la dichiarazione dei redditi tutto ciò non ha senso, non ci sarà nessun tipo di risparmio.

Ricordiamo che per usufruire delle detrazioni del 50% dobbiamo pagare il materiale e l’intervento dei tecnici con bonifico bancario o bollettino postale da cui risultino il riferimento alla norma (articolo 16 -bis del Dpr 917/1986), codice fiscale del soggetto che paga, codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.

Quando vi sono più soggetti che sostengono la spesa, e tutti intendono fruire della detrazione, il bonifico deve riportare il numero di codice fiscale delle persone interessate al beneficio fiscale.

Quindi nel 2016 le detrazioni sono confermate al 50%.

Ma non è finita qui. Possiamo usufruire anche dell’ IVA AGEVOLATA AL 10%, soltanto però sulla differenza tra spesa totale e bene significativo. Esempio: abbiamo speso 9000 euro per un impianto di antifurto, di cui 6000 per il materiale (centralina, sensori, sirena, telecamere). La differenza tra 9000 e 6000 (9000-6000=3000) è di 3000 euro. L’iva al 10% si applica solo su 3000 euro, sul resto di applicherà al 22%.

Detrazioni Fiscali
4.8 (95%) 4 voto[i]